Offerta formativa

La formazione dottorale rappresenta un momento essenziale per la crescita professionale dei dottorandi. Per tale motivo, il dottorato in Digital Humanities, durante tutto il corso dell'anno, organizza molteplici corsi, lezioni seminariali, covegni ed incontri offrendo così agli studenti la possibilità non solo di arricchire la propria formazione ma anche di approfondire interessanti tematiche di ricerca. 

METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA RICERCA

  • Introduzione alla ricerca (prof.ssa Dettori): seminario di avviamento in cui vengono enucleate le problematiche relative alla ricerca di dottorato, dall’individuazione della domanda di ricerca, alle fonti e alla loro metodologia di verifica e analisi, all’impostazione di eventuali percorsi sperimentali fino alla scrittura scientifica.

  • Supporti informatici per la didattica e la ricerca (Prof. Sarti): il corso, ribattezzato TExU (Tecnologie Educative per Umanisti), fornisce le basi teoriche dell’utilizzo del digitale, con particolare riferimento a: interazione human-computer, strumenti per le pagine web, la rappresentazione e l’uso delle immagini, internet per la ricerca, diritto e sicurezza sul web, sviluppo di applicazioni educative digitali.

LA FORMALIZZAZIONE DELLA CONOSCENZA

  • Enciclopedismo (prof. Poli): il corso si propone di ripercorrere storicamente le modalità di trasmissione e diffusione del sapere umano attraverso il linguaggio dei testi che oggi chiamiamo “enciclopedie”. Attraverso l’analisi testuale, storica e sociale, verranno fatte emergere le metodologie che hanno caratterizzato la composizione di queste opere e la loro incidenza culturale, arrivando fino alle nuove pratiche di produzione e condivisione proposte da Wikipedia.

  • Intelligenza artificiale (prof. Adorni): il corso vuole fornire gli strumenti teorici e metodologici per la comprensione del funzionamento del linguaggio formale che sta alla base delle pratiche di IA, evidenziandone le possibili applicazioni per la ricerca umanista.

  • Metadati (prof.ssa Torre): il corso fornisce una panoramica dei diversi tipi di metadati, come SGML e XML, sul loro utilizzo per la ricerca e la diffusione dei contenuti, concentrandosi sul loro impiego nelle mappature per la conoscenza.

RETI, TECNOLOGIE E APPICAZIONI WEB

  • Social network e reti complesse (prof.ssa Ribaudo): il seminario si propone di esplorare le strutture soggiacenti al web nelle sue diverse forme grafiche e linguistiche chiamate Complex Networks. Si forniranno le basi terminologiche e teoriche per capirne il funzionamento, esaminandone le possibilità sociali e culturali e i limiti attuali.

TECHNOLOGY-ENHANCED LEARNING

  • L’uso pedagogico delle tecnologie digitali (prof.ssa Sugliano): il corso si propone come seminario e laboratorio sull’uso delle TIC nella didattica per gli studenti e per i formatori. Verrà inoltre realizzato un progetto editoriale sulla rivista di dottorato Linguaggi 21.0, in cui i dottorandi potranno sperimentare la collaborazione interdisciplinare per l’educazione e gli strumenti di pubblicazione digitale. 

  • Flash per le attività linguistiche (prof. Torsani): il corso propone l'approccio al programma di grafica vettoriale volto alla creazione di profotti multimediali per l'insegnamento delle lingue. 

  • Sottotitolazione e manipolazione video per attività linguistiche (prof. Torsani): il corso vuole fornire le basi per l’utilizzo dei software per la sottotitolazione e la manipolazione di prodotti audiovisivi, volti all’insegnamento delle lingue su piattaforme digitali.

ARTE SPETTACOLO E TECNOLOGIE MULTIMEDIALI

TEATRO

  • Verso un’antropologia teatrale (prof. Cuppone): il seminario indaga la storiografia teorica del teatro, tradizionalmente tesa tra filologia e scienza, con un nuovo approccio orientato alla centralità dell’essere umano, inteso come unione tra corpo e mente.

  • Catarsi (prof. Cuppone): il seminario si propone di analizzare il tema centrale della tragedia classica, la catarsi, alla luce delle recenti scoperte sui neuroni specchio.

CINEMA E NUOVI MEDIA

  • I videogame (Prof. Malavasi): il seminario si inserisce nel panorama dei Game Studies, che guardano al videogioco non solamente come nuovo media (e portatore di un’estetica), ma anche come possibile veicolo di conoscenza e supporto alla didattica.​​

  • La serialità televisiva (Prof. Malavasi): il seminario vuole indagare le nuove modalità di produzione televisiva seriale, l’estetica e soprattutto le nuove modalità di fruizione dei prodotti audiovisivi.

  • La videoarte (Prof. Malavasi): la contaminazione tra le arti digitali, grazie alle nuove tecnologie, rende sempre più labili i confini tra cinema, televisione e arte contemporanea. Il seminario si propone di offrire un approccio al panorama visuale dei media d’arte contemporanei. 

ARTE

  • Pittura e scultura tra filologia e nuove tecnologie (prof.ssa Migliorini): il corso, volto ad indagare l'utilizzo delle nuove tecnologie nella ricerca filologica sui testi artistici, si divide in due cicli di lezioni su soggetti ed opere scientifiche: "Ed era notte”.  Nicodemo, tra Caravaggio e Michelangelo Tra Giovanni Bellini e Andrea Mantegna, il trittico dell’Annunciazione del Louvre di “Carlo Braccesco” o Carlo del Mantegna”: le nuove tecnologie liberano le scene dipinte. Al corso di affianca inoltre un laboratorio di applicazione pratica dei software indagati a lezione.

LINGUE, CULTURE E TECNOLOGIE DIGITALI

  • Espressioni regolari per la ricerca linguistica (prof. Torsani): il corso offre le basi linguistiche delle espressioni regolari applicate a software per la ricerca linguistica-filologica

  • J Query per attività linguistiche (prof. Torsani): il corso offre le basi linguistiche della libreria di funzioni J Query, adatta alla manipolazione di pagine web e database per la ricerca linguistica.

  • Traduzione assistita dal calcolatore (prof. Torsani): il corso offre un approccio alla Computer Assisted Translation, dal linguaggio, alle memorie alla gestione e indicizzazione per la ricerca linguistica.

 

Italian